Storia

Nel piccolo agglomerato di Montagliari, vicinissimo a questa monumentale residenza che ne ha preso il nome, vivevano all’’epoca medioevale i signori Gherardini.

Essi erano i signori della zona, residenti in una corte ben protetta che a differenza delle molte curtis di questa zona della Toscana, non diventerà un vero e proprio borgo, o villaggio, o castello. Nondimeno è presente a Montagliari una chiesetta dedicata alla Madonna della Neve, un piccol edificio religioso che ricorda il meraviglioso avvenimento di una grande nevicata che ricopre il territorio in piena estate.

Sono abbastanza diffuse queste chiesette, anche nelle citta, come ad esempio la Stessa Siena.

I Gherardini forse a causa del loro isolamento, abbandonarono la loro residenza così piccola, boscosa e selvaggia, per costruire una vera e propria villa di campagna, più in basso dove esitono strade, vigne e case di contadini.

Questa è la residenza di Vignamaggio.

Monna Lisa fa parte della famiglia ed è una giovane e bella fanciulla che attirerà l’attenzione di uno dei massimi artisti del rinascimento, Leonardo da Vinci. Siamo nel primo’500,Leonardo è già ultracinquantenne, morirà nel 1519 ed è esperto di anatomia, ingegneria e aeronautica.

Conoscerà Monna Lisa e sarà lei la bella e misteriosa “Gioconda” che il mondo intero ammira a Parigi al Museo del Louvre.

Il dipinto che mostra un sorriso pieno di mistero ha fatto infinitamente discutere critici ed esperti d’arte ed è circondato da ombreggiature difficili da realizzare con la tempera a base di pigmenti e rosso d’uovo usata dagli artisti a lui contemporanei.

Ma perché la “Gioconda”? Perché “Monna Lisa” si è unita con Giocondo, questo è il nome del suo compagno….

Scritto da Enzo Centri

(Continua…)