Vinsanto 1962

100.00

Descrizione

Nome: Vinsanto
Denominazione: Vinsanto del chianti classico d.o.c.
Annata 1962.
Varietà delle uve: come da disciplinare, malvasia minimo 80% trebbiano 10%, in particolari annate si riduce la quantita’ di malvasia e si aggiunge anche un po’ di uva rossa sangiovese o canaiolo.

Maturazione: il processo di maturazione viene effettuato nei caratelli di castagno, minimo 10 anni.

Affinamento: AFFINAMENTO IN BOTTIGLIA, 3-6 MESI

Grado Alcolico: 18-21 % ALCOOL
N. Produzione: 5000 BOTIGLIE ANNO.
Caratterische: Colore ambrato con sfumature dorate, profumo di frutta cotta vaniglia e caramello, grana fine tannini e vaniglia persistente.

Comune: GREVE IN CHIANTI-FIRENZE
Esposizione / Altitudine: NORD OVEST 450 MT SLM
Superficie vigneti: HA.01.00.00
Terreno: ARGILLOSO, PROFONDO CON FALDA FREATICA SUPERFICIALE.
Sistema di allevamento: GUYOT SEMPLICE
Età delle viti: 50 ANNI
Densità dei ceppi: 3500 PIANTE AD ETTARO
Resa per ettaro: COME DA DISCIPLINARE
Resa per ceppo: 2-3 KG A CEPPO

VINIFICAZIONE

Appasimento delle uve in stoie, reti o appese verticalmente in un locale ben ventilato, fino alla prima settimana di dicembre (circa tre mesi).
Questa operazione consente di raggiungere una concentrazione zuccherina molto alta olte i 33-35° zuccherini, che tradotto in alcool supera in alcuni casi anche i 20°%.
Dalle uve essiccate una volta pressate si ottiene il mosto che filtrato leggermente viene trasferito, nei caratelli di castagno, riempiti per ¾ e sigillato con tappo di sughero e del cemento.
All’interno del caratello si trovano dei sedimenti chiamati comunemente “madre” sono i lievi i batteri , adattatisi a questo tipo di fermentazione per selezione naturale (questo è uno dei segreti della vinsanteria di Montagliari dove si trovano circa 600 caratelli), infatti nelle comuni fermentazioni specie quelle svolte con lieviti selezionati (cioe’ quelli acquistati), quando si raggiungono i 16° alcool, l’azione inibente di questo interrompe il processo.
Quindi la madre (concentrato di lieviti e batteri) trasforma lentamente negli tempo (ecco perché per fare un buon vinsnato occorrono minimo 10 anni), il mosto in vinsanto, questo processo si interrompe e si attiva in corrispondenza delle stagioni, nel periodo estivo la temperatura sale ed i lieviti aquisiscono una reattivita’ maggiore, nel periodo invernale con il calare delle temperature il processo si interrompe per riprendere poi l’anno successvo.
arriviamo cosi’ dopo dieci anni, aiutati anche dall’evaporazione ad avere vinsanti con un alto tasso alcolico.

(Indicare tipo di lievito e utilizzo di solforosa)

I lieviti sono ceppi naturali.
La solforosa viene aggiunta solo nella parte finale prima dell’imbottigliamento, giusto per preservare leggeremente il prodotto, che visto l’alto tenore alcolico e la concentrazione zuccherina, non necessita di grandi manipolazioni per essere conservato.

 

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Ti potrebbe interessare…